Roma, 10 maggio 2020. "Foa aveva i requisiti per essere eletto e la sua nomina è stata confermata da una trasparente, regolare e democratica votazione che ha raccolto l'appoggio di maggioranza e minoranza. Le ultime uscite sbracate e politiche del consigliere Laganà ci costringono a verificare se il suo profilo risponda a "onorabilità, prestigio e competenza professionale" e "notoria indipendenza di comportamenti" e se si sia davvero distinto "in attività economiche, scientifiche, giuridiche, della cultura umanistica o della comunicazione sociale" con "significative esperienze manageriali", come prevede la legge. Non è nostro costume intervenire in questo modo, ma l'atteggiamento di PD, IV e M5S e dei loro nominati sta superando il livello di decenza".

Lo dichiara Massimiliano Capitanio, deputato Lega e Segretario della Vigilanza Rai.