Droga a Monza, Capitanio (Lega): "L'immigrazione clandestina nutre l'industria dello spaccio"

Monza, 14 ottobre 2020 - "La maxi operazione condotta in questi giorni a Monza dalla Procura e dalla Polizia di Stato conferma la determinazione con cui si vuole sconfiggere il cancro della droga. Il fatto che nell'operazione Dedalo siano coinvolti per lo più stranieri richiedenti asilo fa capire come la lotta all'immigrazione clandestina debba essere una priorità per tutti i Governi e non solo della Lega e che l'abolizione dei decreti sicurezza ad opera di Cinque Stelle e Pd sia stata un errore criminale".

Lo rimarca l'onorevole della Lega Massimiliano Capitanio a seguito dell'inchiesta condotta dalla Procura monzese che ha portato allo smantellamento di una rete di spacciatori e all'arresto di 53 persone. "Chi alimenta indirettamente l'industria dello spaccio è moralmente responsabile di tragedie come quella della studentessa umbra stroncata il giorno del suo diciottesimo compleanno dopo aver assunto dell'eroina, regalata dal suo fidanzato. La droga non può essere un regalo, la droga non è un gioco, e la guerra allo spaccio deve iniziare sui banchi di scuola, anche con le lezioni di Educazione civica per la cui reintroduzione tanto ci siamo battuti".