Rete unica, Capitanio (Lega): "Dopo la telefonata di Conte, è calato il silenzio"

Roma, 21 ottobre 2020 "Anche la rete unica sta morendo di annuncite. Dopo la telefonata agostana con cui il premier Conte ha interrotto i lavori del Cda di Tim, il Governo non ha più fatto nulla di concreto, e questo penalizza didattica a distanza e smart working. L'accordo tra Tim e Cdp poteva essere un utile volano per mettere al tavolo anche altri operatori, come sollecitato dalla mozione della Lega approvata alla Camera, ma evidentemente le priorità del Governo sono monopattini e banchi a rotelle. La Lega chiede un Piano nazionale per la rete unica, 1 miliardo di euro per infrastrutturare le aree bianche e bianchissime, 2,5 miliardi per la fibra in casa e di restituire il miliardo di voucher destinato a famiglie e imprese fatto sparire alcuni giorni fa dal Governo". Così Massimiliano Capitanio, deputato Lega e Segretario della Vigilanza Rai a margine del Digital Italy Web Summit 2020.