Rete unica: "Governo fermo al 15 agosto, spazio al Parlamento"

Roma, 15 dic 2020 "L'unica azione concreta del Governo sulla rete unica è stata la telefonata ferragostana di Conte al Cda di Telecom: da allora 4 mesi di silenzio e un divario digitale che si è ingigantito drammaticamente. Dal momento che le priorità di Conte sono le passerelle sulla Rai, banchi e monopattini cinesi, le vertenze del suocero e la spartizione delle poltrone, lasci che il Parlamento si occupi dell'autostrada digitale di cui hanno disperatamente bisogno le imprese, le scuole, la Pubblica Amministrazione e i cittadini. Non tollereremo la sospensione della democrazia anche su questo tema: la IX Commissione della Camera ha già dimostrato di saper lavorare trasversalmente per il bene del Paese. Non perdiamo altro tempo".

Così Massimiliano Capitanio, deputato Lega in Commissione Tlc e Segretario della Vigilanza Rai