Rai: Capitanio (Lega), Cdr e Usigrai? Difendano giornalismo e abbonati, non padroni politici

Roma 7 gen - "Le posizioni del Cdr del Tg1 e di Usigrai sono imbarazzanti. Anziché difendere il giornalismo e il diritto degli abbonati a essere informati, assistiamo a una servile difesa degli errori della direzione e, peggio ancora, a un attacco politico al Tg2, l'unica testata ad aver onorato il mestiere, insieme a poche eccezioni di RaiNews24 e Gr1. Prendiamo atto che l'intero Cdr del Tg1 nega l'evidenza dei fatti e che non si sia accorto che su Rai 1 fino alle 23,15 è andato in onda uno spettacolo di intrattenimento. E' falso parlare di edizione straordinaria, perché, con colossale ritardo, si è trattato di uno spazio programmato. Preoccupa che lo stesso Cdr pensi di poter impedire alla Commissione parlamentare di vigilanza di fare il proprio lavoro nell'interesse dei cittadini che pagano il canone. Quanto all'attacco di Usigrai al Tg2, si commenta da solo: è l'unico sindacato che attacca i lavoratori per difendere i padroni politici".
Lo dichiara Massimiliano Capitanio, deputato Lega e segretario della Vigilanza Rai.