Vaccini, Capitanio (Lega): "La Rai usi numeri veri e la smetta di diffamare la Lombardia"

Roma, 23 mar - "Alcune trasmissioni Rai sono talmente avvelenate da odio nei confronti dei lombardi e della Lombardia da trasfigurare la realtà. In tema di vaccini, il servizio radiotelevisivo pubblico non può commettere l'errore fatto oggi da Repubblica, che dimentica che la percentuale degli over 80 vaccinati deve tener conto anche di quelli presenti nelle Rsa. Su un totale di 725.923 anziani, alle 292.107 persone che hanno ricevuto la prima dose, così come indicato sul sito del Ministero della Salute, vanno aggiunti i 60.000 over 80 presenti nelle Rsa. Il totale sale così a 352.000 e la percentuale, a ieri, è del 48,5%, e non del 43% come riportato da alcuni giornali. Non si può poi dimenticare che in Lombardia è necessario aderire alla campagna vaccinale: le adesioni sono 600.000, quindi la percentuale dei vaccinati al 58,6%. Se infine consideriamo il totale delle dosi somministrate in Lombardia, 1.272.547 è l’80,9% delle dosi ricevute. Chi parla di caos e di disastro, fatti salvi i necessari e urgenti miglioramenti nella gestione delle convocazioni, non conosce la realtà: nella giornata di sabato in Lombardia sono state fatte 30.000 somministrazioni, su un totale nazionale di 120.000. Tg1 e Radio anch'io diano anche questi dati e non solo i "numeri"...".

Lo dichiara Massimiliano Capitanio, deputato Lega e capogruppo in Vigilanza Rai