Le note non saranno cancellate

ROMA, 3 MAG - "Nessuna abolizione delle note sul registro nella Scuola primaria. Le sanzioni restano, ma all'interno di un quadro normativo attualizzato. Il ddl sull'educazione civica, approvato alla Camera e ora all'esame del Senato, estende semplicemente anche alla Scuola primaria il Patto educativo di corresponsabilita' con le famiglie, che gia' oggi disciplina, in maniera dettagliata e condivisa, i diritti e doveri degli studenti delle scuole secondarie nei confronti delle istituzioni scolastiche, comprese le relative sanzioni. Di fatto coinvolgiamo nell'educazione civica anche i genitori". Lo precisa il deputato della Lega Massimiliano Capitanio, primo firmatario del ddl sulla reintroduzione dell'educazione civica. "Piuttosto - sottolinea Capitanio - spiace constatare che ci sia ancora qualche nostalgico dei decreti regi del 1928. La nostra e' una legge di responsabilita' e modernita'. Guardiamo al futuro e non al passato, pur mantenendo i piedi ben saldi nel solco delle tradizioni e del rispetto dei diritti e dei doveri e delle regole, altrimenti non avremmo riportato sui banchi di scuola questa preziosa materia".